Cattivi

Da mauriziotorchio.


Uno dei libri più belli sulla condizione carceraria o, per estensione, sulla condizione umana.Goffredo Fofi, Internazionale
Trasforma l'esattezza della descrizione in un'emozione capace di deflagrare nell'intelligenza e nel cuore del lettore.Luigi Manconi, Domenica Il Sole 24 ORE
Un luogo metafisico, uno scrittore incredibilmente bravo.Antonio Pascale, Il Messaggero
Merita senz'altro la definizione di iper-romanzo (allegorico, politico, impressionantemente realistico).Gabriele Pedullà, Domenica Il Sole 24 ORE
Scrittura pressoché perfetta, talmente controllata da sembrare la più naturale del mondo.Sara Honegger, Lo Straniero
Cattivi.jpg

Scheda dell'editore

Cattivi è un romanzo di parole e sentimenti compressi, storpiati dalle cattività che li restringono. Ma anche una storia di sopravvivenza in condizioni estreme. Dando fiato a una voce che finisce per diventare l’essenza stessa della reclusione, Maurizio Torchio è riuscito nel miracolo di descrivere, senza mai giudicare, i fili invisibili che legano carnefici e vittime. Il cibo, il sesso, i rumori, l’attaccamento appassionato agli oggetti, servono a parlare di ogni spazio chiuso. A raccontare ogni attesa vana, ogni dolore ripetuto che nella ripetizione trova un balsamo.


Riconoscimenti

Estero

Cattivi è stato tradotto in francese e tedesco. È in corso di traduzione in spagnolo da Malpaso e inglese da Seagull Books.

Selezione rassegna stampa

- Intervista a Maurizio Torchio (audio). Massimo Maugeri. Letteratitudine.
- Cattività maestra di stile. Gabriele Pedullà. Domenica Il Sole 24 ORE.
- Carceri formato matriosca. Luigi Manconi. Domenica Il Sole 24 ORE.
- Maurizio Torchio. Chi sono i cattivi?. Giacomo Raccis. doppiozero.
- I “cattivi” di Maurizio Torchio. Sara Honegger. Lo Straniero.
- Torchio in prigione, con esattezza materica e sensoriale. Cecilia Bello Minciacchi. Alias - il manifesto.
- Nel mondo chiamato carcere. Goffredo Fofi. Internazionale.
- Appunti di lettura. Demetrio Paolin. vibrisse.

(continua: Rassegna stampa completa)

Incipit

Ti dicono: Orecchie. Tu pieghi le orecchie e ti giri, prima a destra, poi a sinistra.

Narici. Inclini la testa all’indietro, per facilitare l’ispezione.

Bocca. Apri la bocca. Le porte del corpo si schiudono a comando. Apri la bocca ma non ti alimentano. Non aggiungono: controllano che tu non abbia.

Solleva la lingua. Obbedisci.

Tira fuori la lingua. Obbedisci.

Gengive. Scosti le labbra, usando le mani. Le tue dita a disposizione delle guardie.


Piccoli animali.jpg
Tecnologie affettive.jpg
Votate 2.jpg
Maurizio Torchio 1.jpg